PostHeaderIcon L’Esperto risponde

Rubrica a cura del Prof. Giancarlo Ferreri

Se avete domande o suggerimenti da porci, potete

scrivere qui o inviare una mail direttamente a :

tco@tenniscluboggiono.it

il nostro esperto sarà felice di aiutarvi !!

Share Button

11 Commenti a “L’Esperto risponde”

  • Erminio says:

    Una domanda per l’esperto:
    per un giocatore attaccante come me e’ meglio una racchetta bilanciata in testa ma leggera o pesante e bilanciata al manico?

    • Prof. Ferreri says:

      09-12-2010
      La racchetta che accentua le doti di un giocatore di rete deve avere queste caratteristiche tecniche:
      Weitht- 260/280
      Balance – 340 mm – 3 pts
      Head size – 105 in2 677 cm2
      Ovviamente no profile.
      Caro Sirtori non so se questo ti potrà aiutare,anche perchè tendi a conquistare la rete dopo il passaggio della pallina.
      Buon divertimento.

      • Erminio says:

        Caro esperto,
        e’ vero ultimamente arrivo sempre dopo la pallina…
        forse le feste, il benessere mi hanno reso piu’ lento!
        Pero’ quando ci arrivo faccio male!
        Adesso purtroppo gioco con una racchetta molto pesante
        che mi costringe a colpire bene e in centro con ottime soddisfazioni, mentre i racchettoni come mi consigli tu li trovo troppo facili e poco precisi!
        Ho sempre problemi con le impugnature del dritto e in tal senso volevo chiederti se e’ meglio una estern (come uso attualmente) o una piu’ accentuata western dove pero’ mi sembra di non avere la precisione del colpo pur avendo la sicurezza di non sbagliare.
        Ti rigrazio anticipatamente per la cortese risposta e
        Buon Anno a te e al Circolo.
        Un saluto anche ai nostri maestri Emilio e Lea per un proficuo 2011
        Ciao tutti

  • sergio says:

    Finalmente un vero esperto, erano mesi anzi anni che speravo che il nostro luminare ci regalasse gemme del suo infinito sapere tennistico.
    Una domanda : Come mai non è profeta in patria ?

    • Prof. Ferreri says:

      La domanda è capziosa e dai mille significati.
      Nè colgo uno. La mia profezia in patria mi induce a ritenere che il vincitore del torneo sarà un altro.
      Buon tennis.

    • Sergio says:

      Non mi è chiaro il significato del tuo messaggio.
      Comunque, pur non essendo un profeta, posso affermare che il vincitore del torneo sociale non sarai tu.

  • Ale58 says:

    Buon giorno Professor Ferreri,
    reduce da ripetute sconfitte, vorrei richiedere la sua disponibilità ad impartire al mio ex-socio, nonchè collega, le lezioni di base, che Lei riterrà necessarie, sui rudimenti del gioco del tennis a quattro, volgarmente detto “il doppio”.
    Anticipatamente riconoscente per il Suo impegno, che già Le preavviso arduo dato il carattere ostico del soggetto e la sua impermeabilità a qualsiasi consiglio, Le rinnovo la mia stima per questa Sua nuova opera didattica e per la Sua grande disponibilità a condividere con noi neofiti la Sua immensa scienza tennistica.
    Eternamente riconoscente ( se riuscirà nell’impegno…)
    Ale58

    • Prof. Ferreri says:

      Oggiono, 09-12-2010
      Penso di aver intuito l’identità del compagno di doppio cui alludi con severità.
      Le soluzioni sono ardue, forse un corso intensivo di tre/quattro anni con Piatti potrebbe migliorare di poco la situazione.
      Buon gioco e non cambiare il tuo compagno di “sventura”.

  • piero says:

    Sono fiero di avere un amico cosi’ importante in un settore veramente rilevante e strategico per le sorti del Paese.
    BRAVO PROF FERRERI

  • erminio says:

    Per un vero attaccante è consigliabile una racchetta con tali caratteristiche tecniche:
    – weitg 260/280 gr.
    – balance 350 – 1 pts
    – head size 111 in2 716 cm2
    Ovviamente il giocatore ” sveglio” deve colpire la pallina prima del suo passaggio, non dopo.

  • Ale58 says:

    Ritengo di aver individuato il misterioso compagno di doppio e prevedo che tre anni di scuola ed insegnamenti di maestri più quotati di me, daranno lievi ed esigui risultati.
    Poichè sono di estro sportivo non ti suggerisco di cambiare il compagno di doppio, ma eventualmente di competere contro di lui.